Brexit: danni collaterali

linea_rossa_740x1

Giovanni Bianchi

Le conseguenze del disgraziato referendum che ha sancito l’uscita del Regno Unito dall’ Unione Europea sono di natura tale da prevedere che di esse si parlerà ancora a lungo, tanto incideranno sulla dialettica politica, sociale ed economica di tutta l’Unione (e ovviamente della Gran Bretagna, se questo Stato esisterà ancora viste le fibrillazioni in Scozia e nell’Ulster).

Credo però che una riflessione a parte meriti il tragico episodio dell’assassinio della parlamentare laburista Jo Cox, europeista convinta, ad opera di un suprematista di ultradestra avvenuto nella fase culminante della campagna referendaria.

Tanta follia si può comprendere contestualizzando il gesto nella campagna referendaria, in cui i sostenitori del “leave” dell’uscita dall’UE, non solo hanno sparso disinvolte bugie, come ha candidamente ammesso post factum il cialtronesco leader dell’UKIP Nigel Farage, ma hanno anche alimentato una ferocissima campagna di odio verso le istituzioni europee, accusate di voler attentare alla sovranità nazionale britannica e di voler riempire il territorio britannico di orde di migranti provenienti dal Terzo mondo.

Conta poco che in realtà il Regno Unito abbia goduto di un particolarissimo status che ne ha fatto fin qui il soggetto meno integrato nell’Unione, con un diritto pressoché illimitato di esenzione da qualsiasi vincolo di natura monetaria, fiscale o sociale. Conta poco anche che l’UE – come ha rilevato con giusta indignazione Romano Prodi- pur di evitare il cosiddetto “Brexit” abbia proposto fino all’ultimo di aumentare i privilegi del Regno Unito (che poi era il disegno tattico – evidentemente di breve respiro- del premier David Cameron, vero artefice del disastro).

Più in generale, chiunque abbia un minimo di sensibilità riconosce chiaramente come il discorso politico in tutto il mondo sia ormai permanentemente virato su di un linguaggio infarcito di volgarità e di odio, in cui appare del tutto naturale deridere l’avversario, insultarlo, chiamarlo con nomignoli offensivi, diffondere notizie false con la piena consapevolezza della loro falsità, e giungere ad augurare agli avversari politici malattia e morte. Ciò è ancora più facile in un’epoca come la nostra in cui i mezzi di comunicazione sono molto diversificati ma ugualmente diffondono notizie non verificabili e spesso manipolate.

D’altro canto, non è chi non veda come le forze politiche e i leader (o presunti tali) che amano presentarsi come outsider siano dei professionisti di questo hate speech, dall’ UKIP di Farage al Fronte Nazionale di Marine Le Pen, dai Cinque stelle in Italia fino a Donald Trump, che è riuscito a vincere le primarie del Partito Repubblicano grazie all’indebolimento della cultura politica del partito che fu di Abraham Lincoln e di Theodor Roosevelt, indebolimento dovuto all’aver aperto le porte ad ogni sorta di folle religioso o di suprematista bianco , e che si è sintetizzato in otto anni di becere opposizione ad Obama tenuta insieme da riferimenti di chiaro stampo razzista . Mettiamoci pure dentro certuni presunti cattolici che sui loro blog sembrano non avere insulti sufficienti da rovesciare addosso a Papa Francesco: anch’ essi in fondo figli di una vulgata ultretrentennale di stravolgimento dell’eredità conciliare e di disprezzo nei confronti di chi ne era testimone.

Un odio che tracima da ogni parte, che diventa quasi rumore di fondo, che si manifesta come perenne conflittualità soprattutto fra i ceti più impoveriti economicamente e culturalmente cui si spiega che il nemico è quello che sta peggio e che può portare via quel poco che si ha, oppure è una imprecisata “casta”, considerata tutta uguale ed ugualmente nemica del popolo, quello vero. Nulla di nuovo : “contro la reazione, il fronte rosso e gli ebrei”, come insegnava il vero ideatore dell’ hate speech, Adolf Hitler, il cui vero, unico programma, al di là delle cortine fumogene, era quello di prendere e conservare il potere.

L’indebolimento dell’ Europa, al netto degli errori delle classi dirigenti, è la porta spalancata a queste nuove forme di fascismo che covano nelle profondità della disillusione dei popoli.

email

Permanent link to this article: http://www.circolidossetti.it/brexit-danni-collaterali/

1 comment

    • alberto dafarra on 7 Luglio 2016 at 08:09

    Grazie Bianchi per averci ricordato la serie pesantissima di cose che non vanno.
    E’ bene credo, che UK si stacchi perchè non è mai stata con noi, voleva benefici che non ha trovato e a cui non aveva diritto, ma neanche noi nè altri, li abbiamo avuti. Ue non esiste perchè mal impostata e malissimo gestita . Quali cittadini d’Europa , noi singoli individui abbiamo goduto ? I costi di gestione sono altissimi e ingiustificati , perchè dobbiamo pagare stipendi di 24.000 Euro a personaggi insipidi , impiegati di secondo ordine, che non han portato alcun miglioramento alla gente, consentendo la cancellazione degli umani diritti di chi lavora per questi arroganti , insaziabili datori di lavoro
    .Parliamo di art 18 qui, e del tentativo francese di fare anche peggio, duramente però combattuto da una popolazione cosciente di avere diritti sociali importanti , necessari per l’equilibrio del Paese e non solo il loro .
    Migranti problem-, cosa ha fatto l’Europa per gestire un fenomeno di bibliche dimensioni che comunque dovrebbe essere affrontato in loco ? Di carne al fuoco c’è ne è tanta e invece di evitare che bruci ,i protagonisti della politica preoccupati di mantenere o raggiungere più potere , si insultano, ci insultano !

Lascia un commento

Your email address will not be published.