Rapsodia di piazza Petazzi.
Giovanni Bianchi.

Rapsodia di piazza Petazzi
clicca sul libro per sfogliarlo online
(attendi qualche secondo per il suo caricamento)

Il pensiero rapsodico è forse adatto a confrontarsi con una stagione storica monsonica. Dove i generi si mischiano perché si sono fatti confusi i confini tra le discipline e le regioni reali: una ostentazione perfino eccessiva, e talvolta nauseante, dei ritmi della “società liquida”.

Per questo le prove del pensiero non possono essere inferiori a quelle di un tentare tantonando che l’esistenza consente a chi non rinuncia a quel po’ di verità che ci è concesso di cogliere nelle nostre brevi esistenze.

Non se ne può più infatti di questa allucinazione dei contemporanei, della loro interminabile salivazione via video. L’ultimo nome del vitello d’oro è visibilità. Se non sei visibile (in televisione) non esisti, almeno politicamente parlando.

E, sempre più, quel che vale per la politica rischia di valere per altre regioni della professionalità: rischia di valere per l’intera vita.

C’è dunque bisogno di coraggio a vivere nell’ombra.

Ci vuole più determinazione a stare dietro le quinte (a lavorare) che a sorridere di un sorriso perennemente stampato sul proscenio. È l’ascesi di Cirano.

Nessun sistema da ostentare, ma i tentativi, pur rapsodici, di dar conto di quel che si offre a una critica modesta ma insonne.

La situazione dev’essere opportunamente rovesciata. Il coraggio di andare controcorrente, di rifiutarsi di aggiungere conformismo a conformismo, è il solo a conferire dignità a un progetto di studio e di vita.

pdfepubkindle

scarica gratuitamente l’eBook “Rapsodia di piazza Petazzi” di Giovanni Bianchi nel formato che preferisci cliccando sulle icone qui sopra

email

Permalink link a questo articolo: http://www.circolidossetti.it/giovanni-bianchi-rapsodia-di-piazza-petazzi-ebook-gratuito/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.