Giovanni Bianchi. Il taccuino delle metamorfosi.

linea_rossa_740x1

Il taccuino delle metamorfosiL’interminabilità della crisi, della quale si pronosticano continue sortite dietro l’angolo, e la disperazione nell’efficacia delle sociologie mi hanno spinto insieme a sottrarre il termine metamorfosi a Ovidio e alle mitologie. Avendo coscienza che la prima e più grave difficoltà consiste nel rendersi conto della profondità dei mutamenti che già si sono verificati. Mutamenti che hanno trasformato le antropologie degli abitanti del pianeta: per questo metamorfosi non è un termine fuori misura.

Scrive il vecchio Seneca a Lucilio che nessun vento è favorevole per chi non conosce il porto. E la fase storica che attraversiamo pare afflitta da una disperante bonaccia, non più esposta ai venti della crescita e dimentica se non di porti sicuri, almeno di approdi alla portata della nostra affannosa navigazione.

Taccuino delle metamorfosi

Pietà l’è morta per la critica, e anche per i poveracci, gli homeless, gli zingari. È così che nonostante l’aumento delle disuguaglianze la questione sociale non vive nella coscienza dei nostri concittadini.

In Italia, a differenza che a Wall Street e a Madrid, non c’è stato alcun movimento o movimentino di occupay qualcosa.

Così il tema dell’ingiustizia sociale rimane assolutamente non popolare. La percezione e la condanna delle disuguaglianze nelle nostre società è stata respinta ai margini e non interessa.

E già questa è una metamorfosi paurosa dello spirito critico, perché senza spirito critico non c’è politica né cambiamento.

linea_rossa_740x1

Leggi l’eBook online cliccando sull’icona di sinistra (attendi qualche secondo per il caricamento) oppure scarica gratuitamente l’eBook “Il taccuino delle metamorfosi” di Giovanni Bianchi nel formato che preferisci cliccando sulle icone sottostanti.

pdf-sfogliabilepdfepubkindle

email

Permanent link to this article: http://www.circolidossetti.it/taccuino-delle-metamorfosi/

Lascia un commento

Your email address will not be published.